martedì 16 luglio 2019

Book Blitz - Lineage di C. Vonzale Lewis


Nuova segnalazione estera! Sarà la copertina ma questo libro mi ispira tantissimo. Penso di leggerlo dopo l'estate.

Lineage
C. Vonzale Lewis
Publication date: July 16th 2019
Genres: Adult, Fantasy
Smart-mouthed Nicole Fontane has a way of getting herself into trouble. She’s been fired from every job she’s had but still refuses to work in her father’s apothecary shop because of his practice of Earth Magick. On Tulare Island where Nicole grew up, Magick has always been a way of life—one she’s determined to avoid at all costs.
With less than two hundred dollars in the bank and rent due, Nicole is forced to take a job at Tribec Insurance as a last resort. Little does she realize, the moment she sets foot inside the building, she becomes a pawn. A sinister force has set its sights on her and will stop at nothing to use her in a sadistic game.
Tribec’s proprietors, the Stewart family, are curiously preoccupied with the Naqada, the mysterious pre-dynastic Egyptian society. Nicole finds it creepy, but on the bright side, the job reconnects her with her estranged friend, Marta. Yet the eerie atmosphere, disappearing Magick wards, and the smell of blood inside Tribec bring Nicole to a startling conclusion—the Stewarts are practicing Blood Magick, the deadliest of the Five Principles. By the time Nicole uncovers the truth, Marta and her four children have gone missing, and all signs implicate the Stewarts and an archaic blood ritual to an Old One, a Naqada god imprisoned on Tulare Island.
Battling the evil of Blood Magick will demand Nicole to confront a hidden past and unlock the Magick buried within. But can she set aside her deep-rooted fears to work with a team of vigilante Mages? Or will the clock run out on Marta and her children—and on Nicole?
CHAPTER ONE:
Looking for bright, responsible, career-oriented, self-motivated individuals who have excellent people skills and are able to take high volumes of calls while maintaining a positive attitude. Ability to work with others is a must.
I glanced down at the advertisement in my hand. I had none of those qualifications according to my last employer—and pretty much all my other previous ones as well. I was, however, a “foul-mouthed, bad-tempered, under-performing”—still didn’t understand that one—“sarcastic, waste of space.” Although, to be fair, only one of the previous employers actually called me a waste of space, and that was because I had stopped sleeping with him.
This unfortunate lack of options was the reason I stood in the parking lot of Tribec Insurance, smoking the last of my apple-flavored cigars—a habit I learned from my father—wearing a cream-colored dress suit and a pair of matching pumps. I couldn’t afford either of them, and I really hated pumps. But I needed the job, so I dressed the part of the career-oriented, self-motivated candidate the ad was searching for.
Most of the jobs in the area required a college degree, or at least several years of experience. I had no college degree, and the longest I’d ever been employed at one job was six months. Thankfully, Tribec Insurance was always hiring and had no such requirements—a rarity in the uptight community of Alice where Tribec was located.
Through a ring of cigar smoke, I took in the phallic structure that was Tribec Insurance. My eyes landed on the small, stone, pyramid-like shape at the top of the building. It reminded me of an Egyptian Obelisk—a symbol to the god Ra. The Egyptian word for it, “Tejen,” meant “protection” or “defense.”
Why would the occupants of Tribec Insurance erect a symbol of protection or defense on top of the building?
A slight breeze blew over my bare arms, carrying the salty scent of the ocean and stirring the beads of sweat that had formed on them. My new blouse had molded to my back, and my feet had started to sweat. I was generally used to Tulare Island’s oppressive heat, but the anxious jitters in my stomach had caused my skin to flush.
I tried to dispel the nervousness in my stomach. Despite the obvious, I didn’t want to show that I was desperate. My best friend Kara spent most of last night trying to prep me for the interview. She advised me to not ask annoying questions, make sarcastic comments, or let my disgruntled attitude show.
Essentially, she advised me to not be myself. There was a message in there somewhere, but I was choosing to ignore it.
Out of our original group in high school, Kara was the only one who was still in my life. The only one who actually gave a damn about me. Marta and I hadn’t spoken in years, and as for Steve… Well, it was a long time ago.
I glanced at my watch. Damn. I guess I had procrastinated long enough. I put out my cigar, grabbed my blazer from the front seat of my car, shoved the advertisement back in my overly large purse, and headed for the building. As I walked, I attempted to wrap my head around the fact that I was essentially asking Tribec Insurance to let me spend my days chained to a desk, listening to complaints from strangers.
Maybe I should look into prostitution. At least I’d enjoy the job.
Kara also told me to smile a lot, so I pasted one on, pulled open the glass door, and stepped inside. Only to stop dead in my tracks at the entrance.
The walls—painted a burnt gold color that reminded me of the sunset—were lined with Egyptian art. Four glass displays, filled with half-head replicas of deities and artifacts, sat in each corner of the room. Green foliage hung from black ceramic pots near the entrance and the elevator. Something was off about the elevator. It wasn’t stainless-steel. No, more like marble. Black marble with gold striations that, at first glance, appeared to be moving. Odd.
And everything, including the guard station—which sat sunken into the foundation in the middle of the floor—was set up in a spherical configuration. Directly behind the guard station was a set of mahogany double doors, with gold Egyptian hieroglyphs carved around the frame. They were also etched around the guard station.
Most people on Tulare Island either practiced one of the four principles of magick or knew someone who did. There was, however, a small group of people who, despite the evidence, still refused to believe in magick. They usually carried picket signs outside of herbal and occult shops, telling people they were going to burn in hell, not realizing they were actually practicing faith magick every time they went to church.
Judging from the set-up of the room, and even the obelisk on the top of the building outside, I could hazard a guess—more like an assumption—that the occupants of Tribec Insurance practiced magick.
Despite my assumption, I couldn’t figure out which of the four principles—earth, elemental, mind, or faith—the people at Tribec used. There was, however, a fifth principle—blood—that to my knowledge, no one practiced anymore. And sadly, I didn’t know enough about it to recognize any symbols associated with its practice. Yet, symbols from the other four were etched all over the walls. Odd. Especially since people only had the ability to practice one. Not all four.
If it was a job requirement for me to use magick, I was running the hell out of here. I would live in a cardboard box before I got involved with magick. And if I didn’t get a job soon, that was exactly where I’d be living. Especially since I refused to move back in with my parents. I had to grow the hell up sometime.
I moved farther into the lobby; the scent of desert sand wafted around me. It had that baked-on smell that emanated off the ground when the sun was at its peak. It was unusual, but the décor could explain the smell. Especially if they added sand to some of the displays for authenticity. The odor that was definitely out of place was the one directly underneath it.
Blood. It was faint. I could almost chalk it up to imagination. Almost. If it wasn’t so overpowering.
I moved forward cautiously, my heels clicking on the white-tiled floor, as I tried to pinpoint where the scent was coming from. But the farther away from the door I got, the less I smelled it. I turned and started back toward where I’d first detected the smell. A chair creaked, stopping me in my tracks. The space between my shoulder blades started to itch. I turned.
The guard behind the desk was watching me.
I stood there, debating whether or not I should just leave. Yes, I was desperate, but the smell of blood? Was I imagining it? I pulled in a deep breath, trying to find the scent again. Nothing.
Get it together, Nicole.
After a short pause, I shook myself mentally, and continued toward the guard station with the guard’s black eyes boring into me. Sizing me up.
“Can I help you, miss?” He rose to his feet and crossed his arms across his chest.
I placed him in his late twenties. He had a solid frame, close-cropped black hair, deep set black eyes, and no facial hair. The dark brown suit he wore looked as if it had been poured onto him. Had to be ex-military.
The gold tag on his shirt read “Oliver Strong.” It suited him.
“Yes, my name is Nicole Fontane, and I’m here for an interview with…” I set my purse on the counter, ignoring his pointed glare, and pulled out my tattered notebook. “…a Francine Delaporte at eleven.”
“Have a seat. I will call someone down to escort you.” He inclined his head in the direction of the red leather couch on the right.
“Okay, thanks,” I said as I mentally extended my middle finger. Everything about him rubbed me the wrong damn way.
I sat and placed my purse beside me on the couch—the damn thing weighed a ton—and picked up one of the brochures for Tribec Insurance. While I sat there leafing through it, another security guard walked up and blocked my view of the sun. Well, he would have if there had been one inside the building. This burly bastard had tree trunks for arms and a head that resembled a boulder. Did they chisel him from a mountain?
“Ms. Fontane?” the guard grumbled. It sounded as if his voice came from a gut full of rocks.
I stood, which put me at eye level to his massive chest and the name tag pinned to his shirt that read “Duncan Glass.”
Maybe when they hired their guards, they assigned them names as well.
“Yes.” I tried to push myself up a few inches more. I was already wearing three-inch heels, bringing my total height to five nine, yet this massive behemoth still towered over me.
“Follow me.” He spun around abruptly and led the way to the elevator.
I was tempted to salute him, or give him the finger—the damn bossy bastard.
Calm down, Nicole. You need this job.
Duncan pulled a card from his pocket and inserted it into a slot located on the right side. I guess that answered my question about the oddity of the elevator. Besides the strange composition, they didn’t have a call button. They sure did have a high level of security for an insurance company. Maybe they denied more claims than they approved. Greedy bastards.
When the doors slid open, Duncan extended his arm out. “Ms. Fontane.”
I stepped inside.
Once the doors were closed, he inserted his card into another slot, and a display lit up with a list of floors.
The number thirteen was among them.
I had once read somewhere that all older buildings either omitted the thirteenth floor or renamed it. It all stemmed from a superstition that the thirteenth floor was unlucky. I wasn’t superstitious, but I did find it interesting they chose to include it.
“They have a thirteenth floor,” I said.
“It comes after twelve.”
While I was no stranger to snide comments I really didn’t like others using them on me. Bastard.
A few moments later, the elevator doors opened and, thankfully, deposited us on the seventeenth floor. I followed Duncan to a set of offices in the center of the floor. He stopped at the first door in a row of three that faced the elevators. The silver name plate affixed to it read: Francine Delaporte. After he rapped on it three times, he planted his feet a few inches apart and placed his hands behind his back.
Maybe Duncan thought he was still in the military.
I took in the room while I waited. Cameras inside small black orbs dotted the ceiling. A hazy gray tint covered the windows, allowing minimal light to filter into the room. Industrial gray walls sported a few framed “inspirational” quotes that referred to “teamwork” and “having a positive attitude.” They even had the stupid “Hang in There” poster with a cat hanging off a wire.
Even the partitions that divided the employees’ desks were gray. The only break up in the ashen color were the fake wood desks.
It reminded me of a mental asylum.
The majority of the people in the office were women, with a few men thrown in here and there. Did they believe women were more suited to talking on the phone? Either way, everyone in the room was pasty, their eyes sunken in, wearing expressions that suggested they had given up on life. I wouldn’t have been surprised if they were all former tenants of the asylum, dressed up in over-sized clothes and forced into the role of “employee.”
The fact that no one looked up when Duncan and I got off the elevator supported my theory. They just sat there in their little black chairs, talking into their headsets, all repeating what sounded like the same practiced spiel in monotonous tones, a few minutes behind one another. Like a rolling set of waves crashing against the most boring shore imaginable.
I turned back to Duncan. He still stood at ease in front of Francine Delaporte’s door. What the hell was taking this woman so long? My feet were killing me. Like an idiot, instead of breaking the shoes in after Kara left last night, I had curled up on the couch with a bottle of Samuel Adams, contemplating my limited options. My little pity party of one ended at midnight when I realized my only option was one I wasn’t willing to entertain.
As I switched my purse from my right shoulder to my left, I caught sight of a faint circular line drawn around the cubicles. I stared at the ground, unsure if I was seeing things, or if there really was a line drawn on the floor. I straightened and moved to the left, trying to follow it. As I stood there transfixed, someone brushed their frigid hand across my exposed neck.
Coldness raced down my spine, and the scent of sand filled my nostrils.
I whipped around.
Duncan was gone.
In his place stood a woman wearing a red paint suit. Given that she was at least five feet away from me with her hands down at her sides… Who the hell had touched my neck?
Francine extended her hand and smiled. “Hello. Ms. Fontane?”
I stepped forward, my legs suddenly weak, and took her hand. “Hi.” I cleared my throat. “Yes, I’m Nicole Fontane.”
“I’m Francine Delaporte. Let’s get started.”  She let go of my hand and walked into her office.
I rubbed the back of my neck, trying to warm the sudden chill that had settled there. I glanced around the room. The employees remained at their desks, staring rapt at their computer screens.
A cool breeze circled the room, pulling my gaze toward the ceiling. An air vent sat directly above me.
Before I entered Francine’s office, I glanced down at the floor. The markings were gone. Maybe I had imagined them. And maybe the air-conditioning explained the feeling of someone brushing their fingers across my neck.
Yes—for sanity’s sake, I was going to go with that.
Just my overactive imagination.


Author Bio:
My name is Carla Vonzale Lewis and I like my martini’s shaken…never stirred. I was born in Georgia but please don’t mistaken me for a Georgia peach. I’m more like a prickly pear. Speaking of being born, someone asked me recently if I remember my birth. And I have to say, yes, I do remember that handsy doctor pulling me out into the cold. Right Bastard!!!
Despite being born in the South, I grew up in the North. California to be exact. Every once in a great while we get to experience all four seasons. But mostly, it’s just heat. You should see our electric bill in the summer! I like the beaches, but not the sand. I enjoy being outside, but the sun gets on my nerves. Does it really need to send its death ray to a single spot on my skin! (I told you I was a prickly pear) And don’t get me started on the traffic.
The first part of my life, I worked in customer service. This line of work led to the discovery of my favorite drink, or, rather, several favorite drinks. I could list the many concoction but that would go on forever!
Needless to say, it wasn’t an easy job. But I did enjoy talking with people. And when it came time to develop my characters, I drew on those experiences.
I have a degree in Fashion Design. Don’t ask. The only thing I gained from those wasted two years of my life, is being introduced to the love of my life, Bobby. He is truly my rock.
Why do I write? Well my first book, LINEAGE, answered the question, “What does the big boss actually do all day?” I might have gone a little dark with my answer, but it was fun answering the question. But mainly, I love writing because it gives me power to create. And it also gives me the power to fix this broken world.
Truthfully, I’ve always loved the written word and the way a good book could take you to another place and time. Instead of hanging out in the lunchroom, I would go to the library and create stories or bury my head in a really good book.
I started writing my first novel in 2014 and 30 days later I had a collection of scenes that needed some serious revision. And that was where the fun came in. Over the course of several years my novel went through final draft after final draft until I finally came to…you guessed it, the final draft.
When I’m not writing, I enjoy reading, binge watching shows on Netflix, and trying to convince my husband that getting a dog is a wonderful idea.
And one day, I will discover how many licks it actually takes to get to the center of a tootsie pop.


XBTBanner1


Made in Italy - Che nessuno s’innamori di Paola Russo

Nuova segnalazione made in italy! Abbiamo una storia d'amore frizzante che non vedo l'ora di leggere.


Titolo: Che nessuno s’innamori
Autore: Paola Russo
Data pubblicazione: 23 maggio 2019
Editore: auto-pubblicazione
Genere: romanzo rosa contemporaneo
Numero pagine: 349
Prezzo: ebook € 4,99 cartaceo € 14,99

Virginia è una dinamica e solare ragazza di circa trent’anni che si è trasferita a Boston subito dopo il diploma per inseguire i suoi sogni.
Dorian è un affascinate e austero imprenditore prossimo ai quaranta che dirige con successo l’azienda da lui stesso fondata.

Una sera i due si conoscono casualmente in un locale. Dopo una breve e sgradevole conversazione, Virginia spera vivamente di non incontrare più quell’uomo in vita sua. Invece, la sera stessa, si ritrova a inciampare sul suo corpo esanime. A gran fatica lo carica sulla sua auto e lo trasporta al più vicino ospedale. Estremamente provata, se ne torna a casa convinta che quello sarà di certo il loro ultimo incontro.

Invece, due mesi dopo, Dorian si presenta nell’atelier in cui lei lavora intenzionato a ricompensarla molto generosamente per avergli salvato la vita… ma intende farlo alle sue condizioni.

Da quel momento in poi le loro vite s’intrecceranno in modi assolutamente imprevedibili.

BIOGRAFIA
Nonostante una vita felice, Paola Russo ha sempre sentito che le mancava qualcosa.
Quando comincia a dare libero sfogo alla sua creatività attraverso la scrittura riesce finalmente a colmare quel piccolo ma persistente vuoto che non le permetteva di sentirsi pienamente realizzata.
Se potesse lanciare un messaggio al mondo sarebbe senz’altro:
“Trovate la vostra passione e coltivatela… sarete più felici”.


Review Party - Cherries di Cinnie Maybe


Buongiorno, guys! Eccomi ha partecipare a un nuovo review party organizzato dalle mie amate Ely e Susy di Il Regno dei libri e I miei magici mondi. Quest'oggi sotto i riflettori abbiamo una storia dolce e riflessiva di cui vi parlerò dopo le info. Enjoy!


Titolo: Cherries
Autrice: Cinnie Maybe
Collana: Romance
Genere: Contemporaneo
Data di pubblicazione: 29 Giugno
Lunghezza: 424 pagine
ISBN ebook: 978-88-9312-531-4
Prezzo: € 4,99

Trama:
Melanie è un'addetta stampa che lavora per una prestigiosa azienda di comunicazione, è di buon cuore, adora la torta di ciliegie ed è in abbondante sovrappeso. I chili di troppo sono sempre stati oggetto di prese in giro e vessazioni al liceo, soprattutto da parte del ragazzo più carino della scuola, per cui lei aveva una cotta: Charlie Rhodes.
Dieci anni dopo, nonostante la sua vita ora sia completamente diversa e lei viva a Los Angeles, lontana da Hoboken e dai suoi bulli, Melanie si ritroverà a fare i conti con quella parte di passato che ha cercato di dimenticare e con i suoi sentimenti per Charlie. Ma lui, ormai famoso attore di Hollywood, sarà in grado di andare oltre l’aspetto di Melanie e amarla come merita?



Quanti di noi a scuola ha subito le angherie dei bulli per ogni minima sciocchezza? Chi per il nome, chi per la sua forma in carne o per i brufoli, non c'è limite al bullismo che se troppo pesante può causare danni psicologici - a volte anche permanenti - a una persona. Questo può dircelo Melanie, giovane americana sovrappeso che è sempre stata maltrattata e chiamata Ippopotamo al liceo. Cosa peggiore, tra i suoi aguzzini c'era anche il ragazzo di cui era innamorata. Ma all'epoca erano adolescenti stupidi che pensavano solo ad essere popolari o ad avere bei voti oppure ad andare bene nello sport. Non pensavano di certo che le loro stupidate potessero far soffrire una ragazza che aveva solo la colpa di non prestare attenzione alla linea. 

Melanie è una ragazza semplice e intelligente che ama la torta alle ciliegie. Fugge dalla sua cittadina di origine per scappare da un passato di bullismo a causa del suo corpo sovrappeso e inizia una nuova vita lavorando a Los Angeles in un agenzia di comunicazione. Tutto sembra andare bene finché il passato non torna per tormentarla sottoforma di Charlie Rhodes, sua cotta del liceo che le aveva spezzato il cuore in maniera brutale. Ma sono passati degli anni e magari la gente cambia. Da stupido ragazzino popolare sembra che il nostro Charlie sia diventato non solo più attraente ma anche meno superficiale. Che il principe finalmente si innamori del brutto anatroccolo? Ma le violenze psicologiche subite non possono cancellarsi dall'oggi al domani e la strada per il lieto fine sarà lenta e dolorosa.

La prima cosa che mi ha spinto ad iniziare questo libro è stata proprio la protagonista fuori dai soliti schemi romance. Purtroppo se ne leggon pochi di romanzi con protagonisti che non siano perfetti, con corpo perfetto, sorriso perfetto e camminata perfetta. Credo che sia invece importante essere realisti ed evidenziare a volte i difetti nelle persone. L'essere umano di per sè non è perfetto, tramite i romanzi ci illudiamo del contrario ma a volte preferisco la realtà mista a favola e vedere come una persona normale con problemi come i chili di troppo riesca ad affrontare una società dove spesso e volentieri la magrezza è sinonimo di bellezza. Mi sono rivista moltissimo in Mel, anch'io sono sovrappeso e per questo motivo ero vittima di bullismo dalle medie fino al liceo. Molta gente, sopratutto da adolescenti, purtroppo non tende a guardare i pregi come l'intelligenza, il sorriso, la simpatia, no, non vanno oltre l'apparenza. Ma quello che ci insegna questo romanzo è l'accettarsi per come siamo fregandosene dell'opinione delle persone. Vivere serenamente con i propri difetti. Il personaggio di Mel mi è piaciuto, anche se a volte non sono riuscita ad andarci d'accordo su varie scelte, e ho molto apprezzato la crescita che subisce Charlie. Affronta una specie di redenzione per quello che aveva fatto a Mel al liceo. L'ha delusa, calpestata e dopo anni il rimorso si fa sentire e cerca di rimediare. Mel non desidera il principe azzurro superficiale ma lui saprà farsi perdonare e le regalerà il finale che merita.

Cherries è una storia dolce con qualche nota aspra che fa riflettere sull'importanza dell'essere se stessi. Dovrebbe essere ammirata più la bellezza interiore che esteriore di una persona perché, si sa, l'aspetto cambia mentre il carattere no. Lo stile di Cinnie l'ho trovato molto carino e spero di leggere presto altro di suo. La sua storia è stata come una ventata d'aria fresca in una afosa giungla di romance dove gli stereotipi regnano sovrani.

e poco più

Grazie mille alla Triskell per la copia omaggio!



martedì 9 luglio 2019

Anteprima - The Kissing Booth - La casa sulla spiaggia di Beth Reekles

Allora, chi ha letto la mia recensione sul primo libro sa che non mi è piaciuto per niente, tuttavia non so se ritentare la sorte con questa lettura estiva. Che ne pensate?


Titolo: The Kissing Booth - La casa sulla spiaggia
Autore: Beth Reekles
Genere: Young Adult, Romance, Contemporaneo
Editore: DeA Planeta

Uscita: 9 Luglio 2019

Ci sono baci che non significano niente. E baci che cambiano tutto.

Tornano Rochelle, Noah e Lee, gli indimenticabili protagonisti di The kissing booth
Finalmente è arrivata l’estate, e per Rochelle e il suo migliore amico Lee significa solo una cosa: la casa sulla spiaggia. È lì che hanno trascorso tutte le vacanze da quando sono nati, ed è lì che non vedono l’ora di tornare. Però quest’anno le cose saranno un po’ diverse: tanto per iniziare ora Rochelle è la ragazza di Noah, il fratello maggiore di Lee. E poi sarà l’ultima volta che si troveranno tutti insieme sotto lo stesso tetto. Perché Noah è in partenza per il college. Tra baci rubati, partite a pallavolo sulla spiaggia, e passeggiate al chiaro di luna, per Rochelle questa sarà sicuramente un’estate indimenticabile. Uno straordinario fenomeno del web che ha conquistato oltre 19 milioni di lettori e che è diventato anche un grande film su Netflix.
Le avventure di Rochelle, Noah e Lee continuano!


Anteprima - The Royal Trials - L'impostore di Tate James

Ecco un'altra uscita che aspettavo con immenso piacere! E' in arrivo The Royal Trials - L'impostore, primo volume di una trilogia scritta dall'autrice RARE Tate James. Non trovate che la copertina sia bellissima? *__*



Titolo: The Royal Trials - L'impostore
Autore: Tate James
Editore: Queen Edizioni
Data di uscita: 26 Luglio 2019
Prezzo: 4,99 € ebook

Tre prove. Tre settimane. Tre Principi Reali.

Doveva essere un compito facile per un’abile ladra come Rybet Waise, irrompere nel palazzo reale e salvare il suo amico destinato al patibolo. Ma quando Rybet, si qualifica per sbaglio al Torneo, non ha altra scelta se non quella di andare fino in fondo.
Un sottile velo di glamour ed eleganza dettati dall’etichetta, nasconde la vera natura del Torneo. A porte chiuse le prove sono brutali e sanguinose.
Sotto le luci della ribalta e obbligata a competere con le favorite del regno, Rybet si ritroverà a stringere strani legami con alleati improbabili.
Ma c’è qualcuno che non si fermerà finché non la vedrà fallire, dopotutto lei è soltanto una stracciona dello Stagno.
I Principi possono anche andare al diavolo: Rybet farà tutto ciò che è in suo potere per sopravvivere e arrivare illesa al Golden Ball.

BIOGRAFIA AUTORE:
Tate James è una scrittrice USA Today bestseller di Fantasy, Paranormal Romance, Urban Fantasy e a volte si diletta in Romantic Suspense. È nata e cresciuta nella terra della Long White Cloud (Nuova Zelanda), ma ora vive in Australia con il marito, i suoi figli, e un animaletto peloso.


sabato 6 luglio 2019

Recensione - Il cristallo della luna di Jessica Imhof


Titolo: Il cristallo della luna
Autore: Jessica Imhof
Editore: Genesis Publishing
Genere: Fantasy
Data di uscita: 28 Maggio 2019
Prezzo: 12,60 € cartaceo - 3,99 € ebook

“La Luna sta per sorgere!”“Per millenni, giorno dopo giorno, la debole luce della Luna veniva oscurata dal Sole. Finché un giorno, poco prima dell’alba, la Luna invasa dalla tristezza per aver passato anni all’oscurità dell’astro, pianse, ma accadde una cosa che la Luna non aveva previsto. Una lacrima cadde sulla terra e si trasformò in cristallo, una gemma che aveva l’energia e l’anima della Luna”.Questa è la storia che viene raccontata a Kris, un giovane ragazzo di ventidue anni molto curioso e intraprendente, il giorno in cui riceve l’eredità di famiglia. La lacrima caduta sulla terra, il Cristallo della Luna, passato da madre in figlia e da padre in figlio fino a lui. Generazioni trascorse nell’attesa dell’Erede designato, nell’attesa del figlio in grado di legarsi al Cristallo e attingere al potere della Luna. Kris scoprirà la meraviglia per una nuova sconvolgente realtà piena di potere e magia. Si intreccerà con persone che lo aiuteranno a crescere e ad affrontare la perdita, la frustrazione e la vergogna. Riuscirà Kris a maneggiare forze a lui sconosciute? Ed essere un degno Erede della Luna?

La Luna è da sempre fonte di ispirazione e desiderio per molte storie. Pensiamo a Jules Verne, ad Ariosto che tramite i loro romanzi volano verso di essa, meta impossibile almeno fino alla seconda metà del '900. Per questa storia la Luna sembra avere un anima a tal punto da provare tristezza e dolore. E' nascosta dalla brillantezza del Sole e ciò le scaturisce un pianto che sarà l'inizio di una leggenda che si trasformerà poi in un avventura epica. 

La Luna piange e dalla sua lacrima nasce un potere immenso, tutto concentrato in un cristallo tramandato da generazioni fino al degno possessore. Una storia difficile a cui credere ma basterà una luna rossa e un enorme luce a trasportare Kris in un altro mondo e affrontare il suo destino. Lui è un ragazzo studioso che ha lasciato l'università per prendersi cura della madre in fin di vita. Ma quando quest'ultima morirà lasciandogli in eredità il cristallo, quella che sembrava una semplice storiella per bambini si trasforma in una missione importante. Kris finirà in un mondo fantastico ricco di magia dove troverà amici valorosi e nemici spietati e pronti a tutto per impossessarsi del suo Cristallo.

Questa storia aveva tutti i requisiti per potermi piacere sul serio ma invece ho finito per avere l'impulso di scaraventare il kobo dalla finestra. Kris è un immaturo, non sembra dimostrare l'età che dovrebbe avere. A 22 anni si è uomini non più bambini e quindi almeno un minimo di senso di responsabilità e serietà dovrebbe averne e invece niente. Mi è sembrato un adolescente capriccioso e sciocco che mi ha procurato più di un arrabbiatura. Non ho assolutamente approvato alcune delle sue scelte come del resto il finale del romanzo. Mi aspettavo qualcosa di più, un protagonista degno di questo nome e scelte più sensate. Poi - è un pò spoiler ma lo voglio proprio dire - io non sono contro le morti nelle storie. Trovo che sia giusto trattare il tema della morte visto che è una cosa naturale che si vede tutti i giorni. E' la realtà dei fatti e anche se dolorosa bisogna accettarla. Detto questo, però, non ho trovato buona la scelta di far morire una certa persona, una delle poche che abbia apprezzato, per giunta. Ho provato a comprendere questa decisione ma non ci sono riuscita, mi spiace.

Lo stile della Imhof mi piace e la storia aveva il suo potenziale ma non è andata come speravo. Io amo i fantasy, l'avventura, le storie d'amore tra persone di mondi diversi e tutto questo c'è ma sviluppato male, per i miei gusti. I personaggi, a parte il protagonista, sono caratterizzati abbastanza bene e l'ambientazione è descritta in maniera dettagliata e piacevole tuttavia l'amarezza è stata tanta e sono arrivata alla fine del libro provando un immensa delusione. Un vero peccato.


 ma con del potenziale

Grazie mille alla Genesis per la copia omaggio



mercoledì 3 luglio 2019

Quattro romanzi ELit dritti in wishlist

È ufficiale, è tornato l'amore tra la vostra Tany e il genere romance, o almeno per la maggior parte. Ci stiamo ancora andando piano ma rispetto a qualche mese fa ho fatto enormi progressi e mi è quasi passata la sfiducia che avevo provato per un certo periodo. Ora, per via di questo fatto, ho fatto danno e ho aggiunto altri quattro libri nella mia infinita Wish list. Tanto se non ci pensa la Hope, la Triskell o la Darcy Edizioni, ci pensa la Harmony ha trovarmi altre letture tentatrici. Ed ecco qua!

Titolo: Rosso rubino
Autrice: Sarah Mathilde Callaway 
Uscita: 1 luglio 2019  
Prezzo: €  3.99

Synna sta percorrendo una strada assolata, nelle narici ancora l'odore intenso del vino rosso, nella mente una sola idea: trovare una nuova bottiglia di Amarone del Cinquantotto che ripaghi l'amato nonno della perdita di quel vino da collezione, proprio a causa sua. Grazie all'etichetta, è riuscita a trovare l'azienda vinicola e ora che è quasi arrivata si sente disposta a tutto pur di non tornare a mani vuote. Ma l'accoglienza glaciale del proprietario e il rifiuto a cederle l'Amarone fiaccano i propositi di Synna, che si vede costretta ad accettare un ricatto pur di ottenere ciò che vuole: restare nella tenuta ad accudire i nipoti del conte Degli Olivieri per tutta l'estate. A lei, che insegna in una scuola pugliese, sembra in fin dei conti un lieve scotto da pagare, se non fosse che tra lei e Tomaso è scattata immediatamente una scintilla. E mentre per lei sotto quel fuoco sembra covare l'amore, lui, arrogante aristocratico, sembra accendersi solo per una frivola notte di passione...

Titolo: Pagine che profumano di te
Autrice: Alessandra Cigalino 
Uscita: 2 maggio 2019  
Prezzo: €  3.99

Come uno scrittore alle prese con il blocco da pagina bianca, Marcél Delani non riesce a capire come conquistare il cuore di Candy, che l'ha colpito e affondato con una occhiata e il suo profumo così particolare. Quando però si accorge di agire e pensare come uno dei protagonisti maschili dei suoi romanzi d'amore, trova anche il modo per superare l'impasse che lo blocca: tratteggia nella mente la scena perfetta per conquistare il cuore della protagonista femminile, e poi la realizza davvero. Ma riuscire a farsi considerare da Candy non solo come il suo autore preferito sembra una impresa molto difficile, perché lei, editor di una casa editrice avversaria, sembra voler mantenere il loro rapporto su un piano professionale. 
Questa volta per Marcél terminare il suo libro sarà molto più importante che semplicemente scrivere una storia d'amore!

Titolo: Il filo del tempo
Autrice: Anna Grieco, Irene Grazzini 
Uscita: 29 dicembre 2017  
Prezzo: €  2.99

Scozia, 2015-1204
È tradizione per tutti i bimbi della famiglia Douglas MacKenzie ascoltare le storie delle gesta eccezionali della loro capoclan dal carattere indomito, vissuta all'inizio del 1200. Ma il suo ritratto, eredità per tutte le donne che portano lo stesso nome, a Brianna ha sempre suscitato una strana sensazione, e non solo per la somiglianza che esiste tra loro. In quel periodo, poi, le sue notti sono funestate da un sogno che le procura un grande turbamento. Niente a che vedere con l'incubo che vive quando, dopo una eclissi di luna, si risveglia in un luogo che non le è familiare. E in un tempo che non è il suo. Ma fiera e ribelle come l'antenata, Brianna non si abbatte e inizia a lottare per la propria sopravvivenza in un mondo che le è ostile, e per tornare nella sua epoca. Qualcosa di assai potente la tiene però saldamente imbrigliata in quella dimensione. Qualcuno che vorrebbe legarla con il nodo dell'amore.
Se avete amato Indomabile desiderio, non potete non leggere questo romanzo, incentrato sulla figura dell'eroina capoclan Brianna Douglas MacKenzie!

Titolo: La prima notte di nozze
Autrice: Sarah Morgan
Uscita: 1 luglio 2019  
Prezzo: €  3.99

Nessuna donna può lasciare uno come lui!

Rocco Castellani, ricco uomo d'affari siciliano, è abituato ad avere tutte le donne che vuole. Ed è lui a decidere quando una storia deve finire. Francesca Minotti, invece, lo lascia inaspettatamente il giorno stesso delle loro nozze, prima ancora di aprire le danze. Ora, però, lui ha rintracciato la sua giovane sposa, e la rivuole al proprio fianco.
È stato privato della sua prima notte di nozze, e nulla potrà impedirgli di avere indietro ciò che gli spetta di diritto.