giovedì 17 maggio 2018

Alla scoperta del... Salone del Libro di Torino 2018!




Sveglia alle 5,00 del giorno venerdì 11 Maggio. Sì, è stato traumatico il risveglio dopo solo due giorni di ripresa dal viaggio in Irlanda ma poi ho rimediato un pochino di sonno non appena sono salita su Italo. Il mio treno partiva alle 8,45, è stato puntualissimo e anche stavolta sono stata soddisfatta del viaggio. Da Roma Termini a Torino Porta Susa sono circa 4 ore e dopo essere arrivata a destinazione ho raggiunto insieme a Martina del blog Liber Arcanus l'appartamento che avevamo affittato nel weekend con Lorena del blog Petrichor e i suoi simpatici colleghi di corso. Ci sono voluti 5 minuti di metro e 10 di camminata per arrivare alla casa e una volta entrata l'ho trovata davvero bella e accogliente (CLICK ME). Era anche ben attrezzata per la colazione, cosa di cui sono stata piacevolmente sorpresa. Essendo una coffee addicted non potevo rinunciare al mio immediato caffè mattutino :P


Per via della mia sveglia all'alba, sono arrivata esausta ma non potevo rinunciare a fare un pò la turista e sono andata al Palazzo Reale. Arrivata lì purtroppo mi hanno detto che avrebbero chiuso presto e quindi mi sono accontentata di vederla da fuori ripromettendomi di vederne l'interno l'anno prossimo e sono andata avanti verso la Mole. La mia fortuna si è fatta di nuovo sentire e sapete, i biglietti per l'ascensore erano sold out quindi finale della storia ho visitato il meraviglioso Museo del Cinema e fatto una lunghe camminate per il centro. Mi sono talmente distratta al museo da aver perso la cognizione del tempo. Avevo un appuntamento a cena con il mio gruppo di coinquilini più altre adorabili blogger. Sto parlando di Annachiara di Please another book, delle Belle di La Bella e il Cavaliere e delle ragazze del Sospiro del Muflone. Sono persone davvero meravigliose con cui è un piacere parlare. E' stata una serata davvero bellissima. Fredda ma bellissima XD
Tornati a casa, sono letteralmente crollata finendo in bellezza il venerdì.

Io e Lorena di Petrichor

Con Luca Tarenzi
Il giorno dopo è stato tutto dedicato al Salone del Libro. 13 fermate di metro ed eravamo al Lingotto. Ovviamente non vi sorprenderà se vi dico che c'era una lunga fila a nemmeno un ora dall'apertura. I controlli alla fine non sono durati molto - se vogliamo chiamarli controlli - e dopo ciò siamo andati al banco degli accrediti stampa. Non ci abbiamo messo molto ma io e Lorena siamo comunque arrivate in ritardo al nostro amato incontro sul fantasy organizzato dalla casa editrice Gainsworth capitanato dal grandioso Luca Tarenzi e con la partecipazione di Aislinn, Julia Senna e Helena Cornell - autrici dei romanzi usciti da pochissimo e che vi ho segnalato qualche settimana fa. Il loro evento è uno di quelli a cui non rinuncerei per nulla al mondo e anche se siamo arrivate a circa metà incontro abbiamo voluto presenziare in ogni caso e goderci le riflessioni e i commenti riguardo al fantasy in Italia. Un genere molto sottovalutato nel nostro paese ma che io amo alla follia. A tal proposito vi consiglio di leggere questo interessante articolo di Debora Parisi in cui viene spiegato cosa è stato detto durante l'incontro e il pensiero sull'urban fantasy.

Piccoli video dell'incontro li potete trovare sulla pagina FB e su Instagram



Dopo ciò ci siamo dirette allo stand de La Corte Editore. Non potevo non passare a vedere le loro stupende uscite in anteprima tra cui il tanto atteso seguito di Twizel *__* Ammetto che nell'ammirazione ho anche detestato un pochino l'autrice - perdonami, mia cara, ma con quel finale in sospeso e pieno di suspence meritavi l'ergastolo :P - ma si è riscattata con quest'ultimo volume. Ho avuto anche il piacere di conoscere di persona sia Francesca Caldiani stessa - è troppo meravigliosa - che Alessia Coppola di cui amo tutti i suoi lavori.

Con Francesca Caldiani

Giuro che questo e lo stand della ABEditore sono state tentazioni allo stato puro. Se fossi stata miliardaria mi sarei comprata gli interi stand, altro che villa con piscina. Quest'ultima casa editrice l'ho scoperta grazie sempre a Lorena che li segue su Instagram ed è stato subito amore. Hanno dei formati bellissimi, dei veri tesori. Non ho davvero resistito e ho preso una imbustastorie: favole del Giappone. Sarebbe una busta con dentro tre favole del Sol Levante con delle grafiche pazzesche più una card con un'illustrazione e il foglio con la biografia della talentuosa traduttrice Valentina Avallone.

Foto di Chiara (Strega del Crepuscolo)
Sono passata anche alla Multiplayer Edizioni dove ho incontrato la simpaticissima Chiara delle Tazzine di Yoko. Non potete immaginare quante volte abbia provato a incontrarla di persona. Lei e Yoko - a cui mando un grosso bacio e auguro una veloce guarigione - sono degli idoli per me e le seguo da molto tempo. Insieme abbiamo fatto vari giri per stand, abbiamo preso Il Marciume e anche la busta con le favole giapponesi citata sopra. Il potere della buona grafica cosa può causare.
Poi breve fermata allo stand della Fazi dove ho subito preso l'anteprima di Il sognatore (Strange the dreamer) di Laini Taylor e il catalogo delle prossime uscite dove ho potuto vedere che uscirà questa estate un'appetibile uscita LainYA. Parlo di Ferryman di Claire McFall (scheda goodreads)


Avevo stillato una lista di stand da visitare e non poteva mancare quello della Delrai Edizioni che ho iniziato ad amare grazie alle copertine di Pam di Catnip Design e ad autrici come Eveline Durand e Denise Aronica. Pamela è una delle mie grafiche preferite - non perdo occasione di ammirare le sue copertine - e seguo da tempo ormai le avventure dei suoi simpaticissimi gatti. E' stata davvero un tesoro a regalarmi la cartellina con vari gadget "gattosi". Sono davvero fancatici!

Semore allo stand della Delrai ho avuto l'onore e il piacere di incontrare Denise, admin del blog Reading is believing e autrice del romanzo Fino a perdermi nel tuo abbraccio. Già la stimavo come blogger ma ora che sto leggendo il suo libro la sto amando anche come scrittrice.


Ho amato la serie Too Much e Collezione privata, vi pare che avrei rinunciato a vedere la fantastica Eveline e ad avere le sue dediche? Ovviamente no. Ha reso i suoi libri ancora più belli con i disegni che vedrete a fine post. Grazie ancora per aver portato del sano steampunk nel nostro paese.


Bene! Finale della favola: 6 libri autografati con dedica, 6 foto con autori e blogger che hanno la mia più totale stima, 3 libri acquistati (mi sono trattenuta molto, sappiatelo), una mini anteprima, vari gadget regalatami da Pam e case editrici. Aggiungerei anche la compagnia di persone stupende che hanno reso il mio fine settimana indimenticabile. Grazie, grazie davvero a tutti!
Al nostro prossimo incontro.




E il premio per le dediche più belle va a... Eveline! <3






2 commenti:

  1. wow, una sfacchinata ma comunque delle bellissime giornate ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, è stato stancante ma ne è valsa la pena <3

      Elimina

A chiunque voglia darmi la sua opinione, un enorme grazie!
Info sulla Privacy